Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Laser Yag

 

La peculiarità di questa tecnica operatoria consiste nel distruggere il tessuto bersaglio, caratteristica che lo rende noto come "laser fotodistruttivo".

 

 

Il Laser Yag viene utilizzato in caso di:

  • cataratta secondaria: una conseguenza frequente dell'intervento di cataratta, in cui avviene una progressiva opacizzazione della capsula che contiene la lente intraoculare artificiale. Il laser buca la parte posteriore della capsula divenuta opaca eliminando l'appannamento visivo causato dalla patologia;

  • glaucoma ad angolo stretto: per mezzo del laser Yag, vengono effettuati uno o più fori che possano facilitare il deflusso dell'umor acqueo ridurrendo, quindi, la pressione intraoculare dovuta dalla riduzione diampiezza dell'angolo irido corneale.

 

Laser Yag per trattamento cataratta secondaria | Studio VichiLaser Yag per trattamento cataratta secondaria | Studio Vichi

 

L'uso del Laser Yag è consigliato nelle forme di glaucoma primario solo nel caso in cui la patologia sia refrattaria alla terapia medica, cioè non risponda più alla classica terapia con i colliri.

 

 

 

Successivamente al trattamento con Laser Yag, non si riprodurrà più opacità.

Il trattamento è ambulatoriale, in anestesia topica e indolore.

Dopo l'intervento verranno prescritte terapie a base di colliri antinfiammatori.

 

 


Si fa presente che la visita medica specialistica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico e che i consigli presenti sul sito
vanno presi come meri suggerimenti di comportamento.